In cucina con Altromercato: Babka alla siciliana

Ricetta di @lucia_carniel_lultimafetta

La BABKA con il pomodoro che non piace ai caporali.
Chi sono i caporali? Gente che crede che gli altri non siamo noi.
Quelli che non tutelano, quelli che non pagano, quelli che non si curano dei diritti dei lavoratori.
Eppure è proprio in zone prossime a quelle divenute famose per lo sfruttamento della manodopera che è partita la 🍅TOMATO REVOLUTION, la rivoluzione del pomodoro condotta da @altromercato!

Oggi, nei territori calienti del Parco del Gargano (Puglia) e delle Madonie (Sicilia), si producono pomodori buoni fin dal principio.
❤️ Sono buoni per i DIRITTI UMANI, perché vengono prodotti da realtà locali che tutelano i loro dipendenti, retribuiti con una busta paga equa e inseriti in un ambiente di lavoro sereno.
❤️ Sono buoni per il nostro CORPO, perché le tre varietà di pomodori espressione dei vari territori – Siccagno, Tondo Roma e Ciliegino – vengono staccati a mano dalla pianta solo quando raggiungono la perfetta maturazione e poi lavorati subito affinché mantengano un sapore intenso e vivace.
❤️ Sono buoni per l’AMBIENTE, perché espressione di un’agricoltura che non spreca le risorse: basti pensare che il pomodoro Siccagno, varietà antica dal sapore delicato, cresce senza l’apporto di acqua e che gli scarti della lavorazione del Ciliegino sono l’alimento principale di 350 pecore che pascolano sullo stesso territorio.

Insomma, un’alternativa etica esiste già, ed abbracciarla è semplice come condire un piatto di pasta.

Ecco la ricetta https://www.instagram.com/p/CQpwCPusfVm/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.