Se un uomo sogna da solo è solo un sogno, se si sogna insieme è la realtà che comincia
Ritorna alla home page
COLLEZIONE AI 2016
Ricerca rapida
POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA
Le nostre pagine facebook
Newsletter
Socio di
Agices
altromercato
Banca Etica
Per gli altri
Viaggi&Miraggi

RAGAZZI IN BILICO

PROGETTI EDUCATIVI RIVOLTI A GRUPPI DI RAGAZZI IN CONDIZIONE DI DISAGIO, MARGINALITA’ E DEVIANZA.

Quanti giovani nei nostri contesti comunitari, nelle nostre città, vivono in bilico tra i rischi di perdersi inesorabilmente verso i sentieri della dipendenza da sostanze e alcol, della devianza, della criminalità non solo micro e la possibilità attiva di meglio orientare le loro energie, la voglia di protagonismo, la visibilità sociale oltre le etichette?

Molti. E una buona parte di loro è passata, per lo più occasionalmente, dai servizi sociali o è stata intercettata, senza riuscire ad essere agganciata, da quelle iniziative, sia pubbliche che private, che adottano forme di accesso poco selettive o sono esse stesse per strada.

Anzi, molti di questi ragazzi sono stati spesso rigettati dai centri di aggregazione o vengono stigmatizzati dalla comunità in cui vivono, a volte incapace o disinteressata ad avere buoni rapporti con loro o a risolvere i conflitti.

Per questi ragazzi, spesso, non si trovano risposte adeguate, né sportelli o servizi che in assenza di una richiesta esplicita di aiuto o di una domanda manifesta sappiano o possano fare qualcosa per loro. Sono ragazzi che rifiutano, soprattutto quando sono aggregati, la figura dell’adulto che assume ai loro occhi, quasi sempre, la dimensione di chi li vuole “rieducare” cosa di cui non avvertono minimamente il bisogno, o di chi li vuole “fregare” o “reprimere” e da cui bisogna scappare o ancora di chi è grande, ma debole e patetico e su cui si può infierire (soprattutto gli anziani).

Questo progetto è finalizzato a mettere a fuoco strategie di avvicinamento e realizzare attività con e per quei ragazzi che hanno molti requisiti per essere , anche a breve tempo, clienti abituali di servizi sociali, specialistici, forze dell’ordine, tribunale, ecc, ma che, con una spinta contraria, proprio perché  in bilico, potrebbero non cadere.

 

Forti di anni di esperienza in questi contesti, siamo consapevoli che è possibile avvicinare i gruppi di aggregazione spontanea di giovani, conoscerli ed instaurare relazioni significative con loro, se li si avvicina senza essere prevenuti.

Insieme a gruppi di ragazzi abbiamo realizzato attività, uscite, abbiamo discusso di svariati temi, abbiamo avvicinato realtà di impegno sociale… abbiamo passato molto tempo insieme ed insieme siamo cresciuti.

Il nostro obiettivo principale è stato essere punti di riferimento positivo per i ragazzi e di supporto e di aiuto nel cambiamento, verso stili di vita più sani, verso un miglior rapporto con la comunità, verso il benessere psicofisico.

 

 

2004: Andrea Caccìa ed Eleonora Ricci dell’Associazione Fedra partecipano ad un corso di formazione sull’educativa di strada e vengono selezionati come operatori del progetto, coordinato da Augusto De Col in qualità di formatore e supervisore.

 

2005: Ricerca intervento: “Indagine sull’adolescenza nei territori della Seconda e Terza Circoscrizione di Ravenna”. Con interviste ai gruppi formali, alle associazioni e ai servizi pubblici, contatto con più di 30 gruppi informali di ragazzi. Raccolta di circa 300 questionari personali ed anonimi compilati da ragazzi.

 

2005-2006: Vengono selezionati alcuni gruppi ritenuti “a rischio” ed inizia la relazione educativa di strada. Gli incontri tra i ragazzi e gli educatori si svolgono nei luoghi di incontro dei 4 gruppi: strade, piazze, garages, stabilimenti balneari, discoteche, bar, stadi. Vengono inoltre organizzate uscite in contesti diversi da quelli solitamente frequentati dai ragazzi. In totale gli operatori stringono relazioni significative con circa 30 ragazzi e vengono a conoscere una porzione significativa dei giovani della città, in situazione di disagio o meno. Il progetto passa all’Associazione Il Villaggio Globale, con gli stessi operatori. Dal 2007 Stefania Pelloni subentra ad Eleonora Ricci.

 

2007-08: Il progetto entra nell’Istituto professionale Callegari di Ravenna, con la finalità di coinvolgere in attività di discussione, di espressione e di creatività due gruppi di ragazzi delle classi prime e seconde, ritenute le più bisognose. Il percorso prevede la realizzazione di una mostra-evento finale per valorizzare gli elaborati dei ragazzi.

 

IL PROGETTO RAGAZZI IN BILICO NASCE ED E’ IN COLLABORAZIONE CON

IL CONSORZIO DEI SERVIZI SOCIALI DI RAVENNA, CERVIA, RUSSI, AZIENDA USL.

 
 
Area riservata
Utente:
Password:
Carta della Partecipazione
Dna rete mediazione sociale
5 x 1000 buone ragioni
Terre di Seta: un filo solidale tra Ravenna e le donne del Madagascar
Altraeconomia
CONVENZIONE CARTA GIOVANI REGIONALE
sconto immediato del 5%
Villaggio Globale Coop. Soc. - via Venezia, 26 - 48121 Ravenna
Reg. Impr. di Ravenna e P. IVA 02214290393 - REA 0181640 - Albo Soc. Coop. A169234
web@villaggioglobale.ra.it - Web design: Excogita - Cookie Policy